Fitati e acido fitico. Ecco cosa devi sapere.

admin | Dicembre 11, 2019 | 0 | Saluto

Clin Nutr

Fitati e acido fitico. Ecco cosa devi sapere. |

L’acido fitico – la forma di conservazione del fosforo – è spesso considerato un anti-nutriente perché lega i minerali nel tratto digestivo, rendendoli meno disponibili per i nostri corpi. Tuttavia, queste stesse proprietà anti-nutrienti possono anche aiutare a prevenire le malattie croniche.

Caccia JR e Roughead ZK. Assorbimento di ferro non eme, escrezione di ferritina fecale e indici ematici dello stato del ferro nelle donne che consumano diete lattoovovegetarie controllate per 8 settimane. Am J Clin Nutr 1999; 69: 944-952.

Siegenberg D, et al. L’acido ascorbico previene gli effetti inibitori dose-dipendenti di polifenoli e fitati sull’assorbimento di ferro non eme. Am J Clin Nutr 1991; 53: 537-541.

Norris J. Vegan Health. http://www.veganhealth.org/articles/iron

Seshadri S, Shah A, Bhade S. Risposta ematologica dei bambini in età prescolare anemici alla supplementazione di acido ascorbico. Hum Nutr Appl Nutr 1985; 39: 151-154.

Sharma DC e Mathur R. Correzione di anemia e carenza di ferro nei vegetariani mediante somministrazione di acido ascorbico. Indian J Physiol Pharmacol 1995; 39403-406.

Linus Pauling Institute. Ferro. http://lpi.oregonstate.edu/infocenter/minerals/iron/

Raboy V. Progressi nella riproduzione di colture a basso contenuto di fitati. J Nutr 2002; 132: 503S505S.

Hotz C e Gibson RS. Pratiche tradizionali di trasformazione e preparazione degli alimenti per migliorare la biodisponibilità dei micronutrienti nelle diete a base vegetale. J Nutr 2007; 137: 1097-1100.

Davidsson L. Approcci per migliorare la biodisponibilità del ferro da alimenti complementari. J Nutr 2003; 133: 1560S-1562S.

Singh RP e Agarwal R. Cancro alla prostata e inositolo esafosfato: efficacia e meccanismi. Anticancer Research 2005; 25: 2891-2904.

Vucenik I e Shamsuddin AM. Inibizione del cancro da inositolo esafosfato (IP6) e inositolo: dal laboratorio alla clinica. J Nutr 2003; 133: 3778S-3784S.

LEGGERE  Tutto sul mangiare lento

Examine.com Inositol Hexaphosphate. 11 dicembre 2012. http://examine.com/supplements/Inositol+Hexaphosphate/

Memorial Sloan-Kettering Cancer Center. Inositolo esafosfato. 18 gennaio 2013. http://www.mskcc.org/cancer-care/herb/inositol-hexaphosphate

Hurrell RF. Influenza delle fonti proteiche vegetali sugli oligoelementi e sulla biodisponibilità dei minerali. J Nutr 2003; 133: 2973S-2977S.

Lonnerdal B. Fattori dietetici che influenzano l’assorbimento di zinco. J Nutr 2000; 130: 1378S-1383S.

acido ascorbico

Sandberg A. Biodisponibilità di minerali nei legumi. British Journal of Nutrition 2002; 88 (Suppl 3): S281-S285.

Murgia I, et al. Biofortificazione per combattere la “fame nascosta” del ferro. Tendenze nella scienza delle piante 2012; 17: 47-55.

Itske M, et al. Effetto del tè e altri fattori dietetici sull’assorbimento del ferro. Recensioni critiche in Food Science and Nutrition 2000; 40: 371-398.

Gilani GS, Xiao CW, Cockell KA. Impatto dei fattori antinutrizionali nelle proteine ​​alimentari sulla digeribilità delle proteine ​​e sulla biodisponibilità degli aminoacidi e sulla qualità delle proteine. British Journal of Nutrition 2012; 108: S315-S332.

Hurrell R & Egli I. Biodisponibilità del ferro e valori dietetici di riferimento. Am J Clin Nutr 2010; 91: 1461S-1467S.

Gibson RS, Perlas L, Hotz C. Miglioramento della biodisponibilità dei nutrienti negli alimenti vegetali a livello domestico. Atti della Nutrition Society 2006; 65: 160-168.

Caccia JR. Andare verso una dieta a base vegetale: ferro e zinco sono a rischio? Nutr Rev 2002; 60: 127-134.

Fardet A. Nuove ipotesi per i meccanismi di protezione della salute dei cereali integrali: cosa c’è oltre la fibra? Recensioni di ricerca di nutrizione 2010; 23: 65-134.

Champ MMJ. Sostanze bioattive non nutrienti degli impulsi. British Journal of Nutrition 2002; 88 Suppl 3: S307-S319.

Phytases Vohra A e Satyanarayana T.: fonti microbiche, produzione, purificazione e potenziali applicazioni biotecnologiche. Recensioni critiche in Biotecnologia 2003; 23: 29-60.

LEGGERE  Tutto su Carb Cycling

Bohn L, Meyer AS, Rasmussen SK. Phytate: impatto sull’ambiente e l’alimentazione umana. Una sfida per l’allevamento molecolare. Journal of Zhejiang University SCIENCE B 2008; 9: 165-191.

Ma G, et al. Assunzione di fitati e rapporti molari di fitato con zinco, ferro e calcio nelle diete delle persone in Cina. European Journal of Clinical Nutrition 2007; 61: 368-374.

Raboy V. Seeds per un futuro migliore: i grani “a basso contenuto di fitati” aiutano a superare la malnutrizione e ridurre l’inquinamento. TRENDS in Plant Science 2001; 6: 458-462.

Schlemmer U, et al. Fitato negli alimenti e significato per l’uomo: fonti alimentari, assunzione, lavorazione, biodisponibilità, ruolo protettivo e analisi. Mol Nutr Food res 2009; 53: S330-S375.

Vucenik I e Shamsuddin AM. Protezione contro il cancro con IP6 dietetico e inositolo. Nutrizione e cancro 2006; 55: 109-125.

Fox CH & Eberl M. Acido fitico (IP6), nuovo agente antineoplastico ad ampio spettro: una revisione sistematica. Terapie complementari in medicina 2002; 10: 229-234.

Gibson RS, et al. Una revisione delle concentrazioni di fitati, ferro, zinco e calcio in alimenti complementari a base vegetale utilizzati nei paesi a basso reddito e implicazioni per la biodisponibilità. Food Nutr Bull 2010; 31 (2 Suppl): S134-S146.

Urbano G, et al. Il ruolo dell’acido fitico nei legumi: antinutriente o funzione benefica? J Physiol Biochem 2000; 56: 283-294.

Related Posts

Tutto sul cioccolato

admin | Dicembre 11, 2019 | 0

Tutto sul cioccolato | Che cos'è esattamente il cioccolato? Che tipo e quanto dovremmo mangiare per raccogliere i frutti? Il cioccolato è prodotto dai semi dell'albero del cacao. Sfortunatamente per…

Categorie

Articoli recenti

Tag

Archivi